Stanchi delle solite foto?

Se scattare una semplice fotografia per strada non vi accontenta più, siete capitati nel posto giusto! 
Di foto tutte uguali ,scattate in location noiose, ne abbiamo viste anche troppe in questi anni di social media, durante i quali abbiamo subito la mancanza di lungimiranza fotografica della maggior parte dei non addetti ai lavori.

Attenzione però: quello che state per leggere non è per nulla complicato, e può realizzarlo in brevissimo tempo anche chi non è pratico col software, seguendo passo a passo queste istruzioni!

Per movimentare le vostre immagini non vi serve altro che il fido Photoshop e una connessione internet decente.

Creiamo un ritratto artistico

Per creare questi effetti possiamo scaricare dei semplici splash di vernice colorata su sfondo nero, o qualsiasi altra immagine astratta, purché presenti colori luminosi su un fondo scuro.

Queste immagini possono essere importate nel nostro progetto e messe in cima. In questo modo però coprono tutto. Selezioniamo il metodo di fusione Scolora, per nascondere i neri e visualizzare solo i colori luminosi. Adesso possiamo posizionare i bagliori colorati dove più ci piace, all'occorrenza possiamo sfocarli con Controllo Sfocatura (Gaussian Blur) per un effetto più morbido.

Questo video mostra nel dettaglio come fare:

Plugin per flare ottici

In alternativa a questo metodo artigianale, vi suggeriamo di provare il plugin Knoll Light di Red Giant. Noi ce ne siamo innamorati per l'immediatezza e la qualità di alcuni flare che è possibile renderizzare al suo interno. 

Qui si può vedere un sample del suo funzionamento:

Uniamo le due tecniche

Per la massima versatilità si possono combinare i flare di Red Giant, o quelli trovati su internet, con gli splash trattati e sfocati. Buona norma è aggiungerne pochi, affinché abbiano la massima efficacia, altrimenti ci troveremo ben presto a combattere col fatto che le luci con il metodo Scolora si mangiano a vicenda, togliendo molti dettagli alla nostra fotografia.

Questo video mostra il risultato finale delle due tecniche combinate:

Un ringraziamento ai modelli: 

Matteo Garavaglia
Diana D'Onofrio

Comment