Fotografare un'eclissi

Facciamo un passo indietro e cominciamo a fotografare correttamente la luna. Per riuscire in questa missione ci servono un po' di cose:

  1. Un corpo macchina abbastanza prestante, è possibile che dovremo lavorare a ISO elevati;
  2. Una lente abbastanza lunga, altrimenti non vedremo altro che un puntino;
  3. Un cavalletto abbastanza stabile;
  4. Una postazione abbastanza buia.

Sembra facile, ma vi assicuro che non lo è.

Scegliere con cura la location

Penso sia giusto dirvi che noi NON abbiamo scelto con cura. Eravamo nei pressi di Bergamo e abbiamo trovato un parcheggio abbastanza buio da fare al caso nostro, ma pianificare sarebbe stato anche meglio. Un luogo senza lampioni, senza palazzi e senza auto è la scelta ideale, possibilmente anche in collina o in montagna. Evitare fonti luminose è la chiave, ma anche avere un terreno solido e un ambiente di lavoro sicuro è indispensabile, non vogliamo finire in un precipizio al buio, giusto?

Scegliere la lente

Qui avevamo poco da scegliere, abbiamo usato le lenti più lunghe nello zaino, quindi un Canon EF100mm f/2.8 L IS USM MACRO e un Sigma DG 70-300 f/4.5/5.6 OS. Abbiamo scattato con Canon EOS 7D e 660D.

In generale scegliamo la lente più lunga a disposizione, è probabile che saremo costretti a lavorare con treppiede quindi lo stabilizzatore non ci serve; sarà cruciale invece l'apertura: più luce potremo far entrare dalla lente e minore sarà il tempo di posa richiesto. E sembra una bazzecola, ma se scattiamo a oltre 15 secondi rischiamo di avere la luna mossa!

Fotografare la Luna

Ragazza sfuggente, ma con un po' di esperienza la si becca anche a mano nuda: qui siamo a 1/125, ISO 200 f/5.6, con focale tutta avanti a 300mm.

Foto della Luna di sangue

Questo è stato molto più difficile. Cavalletto, o non avremmo avuto l'esposizione corretta, e sorpresa sorpresa, la messa a fuoco automatica non ci è stata di aiuto. Ci siamo serviti del viewfinder per mettere a fuoco manualmente, e dopo vari tentativi siamo tornati a casa con questo:

Ovviamente abbiamo croppato il risultato, peccato ma inevitabile, almeno finché qualcuno non ci regala un 600mm.

In breve

Abbiamo scattato con un sensore APS-C su treppiede, con un 300mm f/5.6. La difficoltà maggiore è stata senz'altro la messa a fuoco. Sicuramente scattare dalla città è proibitivo. L'arma più potente di cui dovrete munirvi è la pazienza. Miraccomando, scattate in RAW, se c'è una volta nella vita in cui è indispensabile, quel momento è arrivato. Ed ecco la nostra Luna di sangue:

Comment